Blog Metaxy Digital
Cosa è la Brand Identity
Page 2
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter

Cosa è la Brand Identity

Brand Identity Cosa Fare

Cos'è la Brand Identity e come costruirla

Il tuo brand deve essere ben fissato e ben definito nella mente del tuo cliente, deve avere identità e stile da vendere.

In questo articolo parliamo di brand identity e di strategie e strumenti per costruire un’identità riconoscibile e duratura.

La brand identity e l’insieme di tutti gli elementi di riconoscimento del nostro brand, non dobbiamo confonderla con l’immagine coordinata che include solo gli elementi visibili e tangibili del brand come il nome, il logo, i caratteri tipografici o i colori.

Quelli rappresentano il vestito ovvero la forma con la quale il brand si presenta.

Questi, ovviamente, non sono certo dettagli, bensì scelte strategiche a tutti gli effetti e attributi di grande importanza per raccontare la nostra identità.

Tuttavia, la brand identity è qualcosa di molto più ampio, più profondo e potremmo dire intangibile, che prima della forma riguarda la sostanza.

Possiamo definirla come il complesso dei valori che ci contraddistingue ed affiora, che noi lo vogliamo o no, dall’insieme di tutte le nostre azioni ed attività.

Nel costruire la nostra identità dobbiamo lavorare tanto sugli elementi tangibili, quanto su quelli intangibili e fare in modo che siano coerenti tra loro.

Partiamo dalla sostanza per occuparci della forma più avanti.

Iniziamo con attributi, mission, payoff e personal branding.

Attributi

Se diciamo Apple non ci viene in mente solo una mela morsicata, ma probabilmente pensiamo subito ad un iPhone, nel 2001 sarebbe stato un iPod e nel 1984 il Macintosh.

Se pensiamo a questi prodotti, ci accorgiamo che tutti hanno in comune almeno tre attributi: innovazione, semplificazione e design.

Gli attributi sono le caratteristiche di prodotto che devono risultare associabili all’identità del brand.

Sono elementi chiaramente percepibili che definiscono l’utilità e il valore che un prodotto ha per il consumatore.

Possiamo non avere ancora definito il nostro nome e il nostro logo, ma sicuramente dobbiamo avere ben chiaro qual è il nostro prodotto, perché parte tutto da questo.

Cosa creiamo, come lo creiamo, con quali materiali o modalità, a cosa serve, come si usa, dove lo produciamo e da chi ci riforniamo, come lo distribuiamo, qual è il suo rapporto qualità prezzo.

Tutti questi elementi contribuiscono a produrre un’immagine del nostro brand nella mente dei nostri clienti.

Se è vero che la personalità del brand deve riflettersi nei nostri prodotti e servizi, è ancora più vero il contrario, la marca non è il prodotto ma il prodotto è la carta di riconoscimento del tuo brand.

Non dobbiamo trascurare nessun dettaglio nei prodotti e nel loro processo produttivo.

Non dobbiamo disperdere energie nel comunicare troppi prodotti diversi.

Affidare il brand ad un prodotto di punta che lo rispecchi al 100% porterà maggiori benefici alla nostra brand identity.

Mission

Ti faccio una semplice domanda: cos’è importante per il tuo brand?

La mission è l’obiettivo più importante che un’azienda si propone di raggiungere.

Deve essere importante davvero, come ad esempio quella di Google che dice questo: vogliamo organizzare tutta l’informazione del mondo per renderla universalmente accessibile e utile

La mission di Google è davvero tanta roba, noi limitiamoci a chiederci qual è la nostra promessa e quello che cercheremo di fare sempre, perché per noi è importante.

Non deve per forza cambiare il mondo, però deve avere un qualche effetto sulla vita dei nostri clienti.

Prendi una posizione chiara e rimani fermo su quella, cerca di fare solo scelte che la confermano, inquadra la tua visione attorno ad uno o massimo due concetti, ripetilo spesso i tuoi clienti, racconta che cosa fai, non tradire questa visione e la tua brand identity sarà più definita ogni giorno che passa.

Payoff

Il Payoff è una breve frase, incisiva e facile da ricordare, che in genere accompagna e in qualche modo racchiude il senso del brand, riassumendo in pochissime parole lo spirito, i valori e la promessa del brand.

Just do it, un diamante è per sempre, think different, non c’è bisogno di dire a quali Brand appartengono questi payoff, e questo dimostra la loro potenza comunicativa.

Eppure, il payoff è un elemento che quasi nessuno utilizza o ha mai pensato di studiarne uno.

Occorre prendere in seria considerazione questo elemento poiché risulta indispensabile specialmente sui social, dove lo spazio per comunicare è poco e la sintesi è la principale qualità.

Creare il payoff è un’operazione delicata e complessa, e non solo perché abbiamo a disposizione quattro o cinque parole al massimo per dire tutto.

I migliori payoff sono semplici e arrivano dritti al punto, sono memorabili perché suonano bene, sono credibili perché non c’è niente che ispiri più della verità, sono distintivi perché usano le tue parole e non quelle di qualcun altro.

Se il payoff fa avesse un payoff sarebbe: il tuo mondo in una frase.

Racchiudi il tuo mondo in una frase e ti aprirà una finestra per arrivare alle persone.

Personal branding

Oggi è il tempo dello storytelling, il tempo in cui gli spot hanno lasciato il posto alle storie, le informazioni alle emozioni e poi alle interazioni.

Questo è il tempo in cui un brand ci conquista non solo per ciò che vende, ma per ciò che è, che dice e che fa.

Questo è il tempo del content marketing, e se vuoi far crescere il tuo progetto dovrai imparare ad utilizzare questa leva impegnandoti a produrre regolarmente dei contenuti, per farti trovare dai tuoi clienti e per farti conoscere e riconoscere come affidabile e interessante.

Ma non posso vendere basta? Devo per forza raccontare qualcosa?

No, non puoi e si devi!!

Tutto ciò perché la brand identity incide sempre di più con l’identità della persona e il branding spesso sconfina nel personal branding.

E’ una tendenza irreversibile che ha sconvolto vecchie abitudini di affidare le proprie dichiarazioni agli uffici stampa.

Oggi i brand sono chiamati sempre più a rispondere di ciò che scrivono e dicono sui social, a metterci la faccia.

Questa può essere vista come una seccatura, invece è una grande opportunità per interagire con i clienti e accrescere la propria visibilità.

Come pensi di farti conoscere se non racconti mai niente di te?

Più racconterai di te in modo corretto, presidiando diversi canali e mostrandoti autorevole e capace, più il tuo cliente avrà strumenti per scegliere i tuoi prodotti.

Decidi tu cosa mostrare e come mostrarlo ma ricorda che ogni pezzetto di storia contribuisce a definire la tua brand identity online.

Conclusione

Sei pronto a costruire la tua brand identity?

Hai pensato anche ai colori?

Ora che hai focalizzato i principali attributi che contribuiscono a dare forma alla tua identità rivedi o costruisci la tua strategia di brand identity ed inizia a raccontarti.

ST

Sintesi dei Contenuti

SEO SEM PCC nel Digital Marketing

Cosa sono SEO SEM e PPC

Conoscere le differenze tra SEO SEM e PPC è molto importante per poter effettuare scelte di digital marketing ragionate e strategiche su lungo periodo.

Leggi Tutto »