Blog Metaxy Digital
Le nuove tendenze SEO 2021
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter

Le nuove tendenze SEO 2021

SEO Tendenze

La pandemia ha spinto le aziende ad investire in SEO marketing sui canali digitali

Dagli inizi di Internet e del marketing online, abbiamo raggiunto una maturità in cui il world wide web è uno strumento di comunicazione vitale e l’internet marketing ha un valore superiore a 400 miliardi di euro all’anno, più notevole rispetto anche al mercato pubblicitario televisivo.

La pandemia internazionale ha solo accelerato queste tendenze e spinto le aziende sui canali online.

Quindi, cosa ci aspettiamo dalla SEO dal 2021? Quali tendenze dovremmo aspettarci? Quali cambiamenti influenzeranno le attività online?

In questa breve guida, esploreremo le tendenze chiave che prevediamo avranno un effetto importante e cambieranno la gestione della SEO nel prossimo anno.

Modifiche dirette ai motori di ricerca

Qualsiasi modifica all’algoritmo e alle priorità di Google avrà un impatto diretto e di ampia portata sulla SEO nel 2021.

Queste modifiche porteranno ad ingenti perdite per alcune aziende e a guadagni di importanti per altre.

È fondamentale essere consapevoli dei cambiamenti imminenti e di come prepararsi al meglio per non trovarsi impreparati.

Esperienza di pagina come fattore di ranking su Google

A partire da maggio 2021, ci aspettiamo l’introduzione di ciò che Google definisce “segnali di esperienza della pagina” come fattore di ranking.

L’esperienza della pagina si riferisce al modo in cui i visitatori si sentono mentre interagiscono con la pagina web.

Tale fattore è determinato da una moltitudine di attributi come l’ottimizzazione per i dispositivi mobili, la navigazione sicura, HTTPS e altri.

Questi erano già fattori di ranking in precedenza, ma sono stati più istituzionalizzati e funzionano all’interno del framework “page experience”.

Inoltre, Google sta introducendo Core Web Vitals come parte dell’esperienza della pagina.

Sono considerate metriche incentrate sull’utente che cercano di determinare la qualità dell’esperienza utente.

Queste metriche incentrate sull’utente misureranno la velocità di caricamento, l’interattività (primo ritardo di input) e la stabilità visiva (spostamento cumulativo del layout). I primi due elementi che entrano in Core Web Vitals sembrano abbastanza evidenti.

Tuttavia, il terzo elemento potrebbe confondere. La stabilità visiva si riferisce a quanto il layout si sposta e salta.

Ad esempio, immagina se un pulsante tiene traccia del tuo mouse e salta ogni volta che ti avvicini ad esso, questa è una esperienza utente evidentemente negativa e questa variabile mira a catturarla.

Lo scopo di aggiungere un fattore di ranking dell’esperienza di pagina è legato al fatto che Google possa fornire contenuti di qualità superiore e più coinvolgenti ai suoi utenti.

Considerando le variabili coinvolte, un sito web con un punteggio elevato anche per l’esperienza sulla pagina, si caricherà più velocemente, sarà più interattivo, più stabile, più sicuro, più mobile-friendly e molto altro ancora. La combinazione di tutto ciò, porterà a un’esperienza utente superiore.

Indicizzazione mobile first per tutti i siti web su Google

L’indicizzazione mobile first non è certo una novità, Google la utilizza da diversi anni.

È stata introdotta per la prima volta come risposta a un problema diffuso: sempre più persone utilizzano i loro telefoni per cercare cose e navigare in rete.

Il problema è che le versioni mobile e desktop dei siti web non sempre corrispondono nei contenuti e Google di solito indicizza solo una versione, che tradizionalmente era la versione per PC.

Ciò crea una mancata corrispondenza tra le classifiche sui dispositivi mobili e il contenuto di queste pagine.

Per alleviare questa discrepanza, poiché stava diventando un problema crescente a causa della crescente popolarità del mobile, Google ha deciso di implementare l’indicizzazione mobile-first.

L’indicizzazione mobile first si riferisce alla pratica di indicizzare la versione mobile del sito web nei database di Google invece che la versione desktop.

Questo misura più accuratamente la quantità di contenuti sui siti per dispositivi mobili e la loro pertinenza prima di visualizzare i risultati.

Tuttavia, il passaggio da uno schema di indicizzazione interamente desktop a uno interamente mobile sarebbe stato un passo enorme, ed è per questo che Google ha impiegato anni per implementare questo cambiamento.

Il cambiamento è iniziato consentendo ai webmaster di modificare l’indicizzazione del proprio sito Web in mobile-first.

In seguito, Google ha reso l’indicizzazione mobile-first l’opzione predefinita per la scansione di nuovi siti Web.

L’ultimo aggiornamento arriverà a marzo 2021, quando Google inizierà a rendere l’indicizzazione mobile-first l’opzione predefinita per tutti i siti web.

Ciò significa che il modo in cui il tuo sito web viene indicizzato e i contenuti presi in considerazione potrebbero cambiare da marzo 2021.

È difficile determinare in anticipo quanto grande sarà l’impatto, ma dovremmo aspettarci una certa instabilità.

Per questo motivo Google ha pubblicato una linea guida di base per garantire che la transizione all’indicizzazione mobile first proceda senza grandi problemi:

  • Assicurati che il contenuto del tuo sito web sia visibile ai crawler e ai bot di Google.
  • Assicurati di compilare tutti i meta tag delle tue pagine di destinazione sia sul cellulare che sul desktop.
  • Assicurati che il tuo sito web per dispositivi mobili si carichi rapidamente abilitando il caricamento lazy.
  • Assicurati di non bloccare alcun URL specifico per dispositivi mobili pertinente nel tuo file robots.txt.
  • Sebbene sia difficile garantire un contenuto identico, dovresti provare ad avere almeno un contenuto principale identico su entrambe le versioni.
  • Controlla i tag alt degli incorporamenti di immagini e video.

Tendenze SEO più ampie

A parte gli aggiornamenti specifici degli algoritmi, abbiamo informazioni preliminari su alcune tendenze più ampie nel settore che cambieranno il modo in cui interagiamo con la SEO.

Alcune di queste tendenze sono in corso da anni e stanno solo accelerando, mentre altre sono nuove. Di seguito, tratteremo le più importanti.

La ricerca vocale sta diventando sempre più importante

La ricerca vocale era praticamente inesistente solo cinque anni fa.

Tuttavia, lo sviluppo e la proliferazione di Alexa, Google Assistant e una moltitudine di altri assistenti vocali negli ultimi anni hanno reso popolare la ricerca vocale oltre ogni nostra previsione.

Secondo i dati, le entrate della ricerca vocale saranno più che quadruplicate dal 2017 al 2022, passando da soli 2 miliardi a 40 miliardi di dollari.

Questa esplosione di popolarità presenta opportunità e sfide agli approcci SEO tradizionali. Ad esempio, nelle ricerche vocali, ottenere la prima posizione è molto più importante di quanto non lo sia nelle ricerche di testo tradizionali.

Ecco perché abbiamo bisogno di approcci diversi per capitalizzare appieno questa nuova tendenza emergente della SEO.

Nuove tendenze: Snippet di funzionalità e microdati

Google sta cercando di introdurre sempre più tipi di snippet in primo piano nella sua home page.

Questi vanno dalle ricette, alle notizie fino ai tutorial. Questi snippet mirano a velocizzare la ricerca per gli utenti e a mantenere il traffico sul sito web di Google.

È comunque vantaggioso per i siti Web implementarlo perché si ottiene la possibilità di essere messi in evidenza, il che attirerebbe molto traffico sul sito web.

Ovviamente, essere in primo piano non significa sempre che vedremo una crescita esponenziale del traffico, ma i dati mostrano che è molto importante!

Essere in primo piano significa che si può ottenere, in media, circa l’8,6% di CTR, mentre il “risultato naturale” superiore riceverà il 19,6% del traffico.

Questo è estremamente impressionante e mostra che lo snippet in primo piano ruba una notevole quantità di clic dalla prima posizione, che otterrebbe circa il 26% di CTR nelle SERP senza uno snippet in primo piano.

Tuttavia, occorre prestare attenzione a come Google presenta lo snippet. Occorre monitorare il posizionamento riadattando lo snippet e ottimizzarlo per più clic.

Nuove tendenze: Contenuto non testuale

Ultimamente stiamo assistendo a un WEB saturo di blog e landing page, e sta diventando sempre più difficile classificare parole chiave degne di nota con un traffico decente.

Ecco perché molte agenzie SEO stanno cercando di espandere la loro portata diversificando il tipo di contenuto che producono e pubblicano.

Le infografiche sono uno dei modi più semplici per creare coinvolgimento e classificarsi più in alto.

Tuttavia, anche loro sono stati abusati negli ultimi anni. Una frontiera molto più promettente per il 2021 sembra essere quella dei video. Questi potrebbero essere caricati su Youtube come contenuto autonomo o incorporati anche nel tuo sito web.

Ti aiuterà a ottenere più traffico dalle visualizzazioni di YouTube, che sembra molto meno saturo del tradizionale motore di ricerca di Google. Questo non significa che sia meno importante.

YouTube genera 15 miliardi di dollari per Google ogni anno. È una piattaforma che non puoi permetterti di ignorare.

Vale anche la pena ricordare che ci sono frammenti di video specifici sulle SERP che puoi classificare solo attraverso i contenuti video e questi snippet di video sono davvero importanti nelle query di ricerca che iniziano con “come fare” o che richiedono tutorial e altre forme di istruzione da soddisfare.

Nuove tendenze: UX SEO

I giorni in cui la SEO riguardava solo i meta-tag e i titoli sono ormai lontani.

Al giorno d’oggi, la SEO è un argomento complesso che combina competenze in molti campi diversi dal marketing all’ingegneria del software e alla scrittura creativa per ottenere il miglior risultato.

Una tendenza recente nel SEO che sta guadagnando sempre più flusso è il framework UX SEO.

UX SEO si riferisce alla pratica di ottimizzare l’esperienza utente di un sito Web per ottenere tassi di conversione e coinvolgimento migliori.

Non è solo importante che il tuo sito riceva visitatori regolari, ma è anche altrettanto importante assicurarsi che questi visitatori interagiscano con il tuo sito web.

Le storie di successo della riprogettazione UX sono molte, ad esempio, alcuni esperti hanno scoperto che solo una nuova impostazione della home page può aumentare i ricavi del 35%.

Non c’è motivo per cui l’ottimizzazione UX non possa essere parte integrante della strategia SEO e UX SEO offre un framework per raggiungere questo obiettivo.

Conclusione

Ogni anno, Google introduce più di 3.600 piccole modifiche ai propri algoritmi e ogni anno emergono tendenze in questo settore che nessuno è stato in grado di prevedere.

Occorre essere costantemente aggiornati sulle novità per essere al top delle tecniche SEO, leggere un articolo sulle tendenze del prossimo anno non è sufficiente.

Tuttavia, ho cercato di rendere questo articolo il più completo possibile e dovresti essere moderatamente preparato per le sfide future se presti attenzione a tutte le tendenze che ho presentato qui.

ST

Sintesi dei Contenuti

SEO SEM PCC nel Digital Marketing

Cosa sono SEO SEM e PPC

Conoscere le differenze tra SEO SEM e PPC è molto importante per poter effettuare scelte di digital marketing ragionate e strategiche su lungo periodo.

Leggi Tutto »
Cosa è il PPC

Che cosa è il PPC

PPC o Pay per Click significa affidarsi ad un sistema per cui gli inserzionisti pagano solo sui click ricevuti sui propri annunci pubblicitari. Vediamo come.

Leggi Tutto »