Blog Metaxy Digital
Ricerca a pagamento e PPC: una semplice guida
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter

Ricerca a pagamento e PPC: una semplice guida

Ricerca a Pagamento PPC

Cosa è la ricerca a pagamento e a cosa serve

Vedremo di fare chiarezza su alcuni acronimi che potresti incontrare nella tua esperienza di ricerca a pagamento come PPC, CPM, CPC e SERP.

Prima di tutto rispondiamo alla domanda più ovvia:

Cosa è la ricerca a pagamento?

In una pagina dei risultati di un motore di ricerca (SERP), puoi pagare perché il tuo sito web venga visualizzato in sezioni specifiche dei risultati.

Questi annunci a pagamento normalmente vengono visualizzati nella parte superiore di una SERP, sul lato destro o in una sezione “Shopping” separata.

Ecco la SERP di Google per il termine “creare sito ecommerce” e puoi vedere come gli annunci a pagamento dominano la pagina.

Ultimamente Google ha rimosso gli annunci sul lato destro della pagina. Ora puoi trovare fino a quattro annunci a pagamento sotto il campo di ricerca e annunci con scheda prodotto nello spazio a destra della pagina.

Ricerca Pagamento Creare Sito ecommerce

Potrai anche notare che gli annunci a pagamento sembrano dei risultati naturali che non vengono pagati (risultati organici), ma sono semplicemente etichettati con la parola “Annuncio” in grassetto.

In precedenza, i risultati a pagamento erano definiti da un riquadro in evidenza, presumibilmente questo è stato rimosso poiché gli utenti si stavano abituando a ignorare gli elenchi colorati allo stesso modo in cui sempre meno persone prestano attenzione ai banner pubblicitari.

Non è solo Google che offre un servizio di annunci a pagamento, ma anche Bing e Yahoo.

L’offerta di Google si chiama AdWords. Bing e Yahoo condividono le reti attraverso i propri strumenti di ricerca a pagamento, Bing Ads e Yahoo Gemini.

C’è stato un accordo tra Google e Yahoo per fornire i risultati di Google sulle SERP di Yahoo.

Perché la ricerca a pagamento è importante?

Google ricava la maggior parte delle sue entrate dalla pubblicità.

Che si tratti dei risultati AdWords a pagamento sulle SERP o della pubblicità display in tutta la sua rete AdSense o degli annunci su YouTube, la pubblicità è ciò che fa guadagnare Google.

Degli oltre 30 miliardi di dollari realizzati nel primo trimestre 2020, circa 25 miliardi provenivano dalla vendita di pubblicità, piuttosto che da altre attività come le auto senza conducente o Google Glass.

Fondamentalmente tutto ciò significa che gli annunci a pagamento sulle SERP faranno maggiormente parte dell’esperienza di ricerca degli utenti internet a lungo termine, e probabilmente domineranno ancora di più i risultati di ricerca in futuro.

Puoi utilizzare la ricerca a pagamento a tuo vantaggio, soprattutto se il tuo sito o il tuo ecommerce è nuovo e stenta a raggiungere una qualsiasi presenza nelle SERP con la tua attuale strategia di ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO).

E non occorre necessariamente spendere una piccola fortuna per farlo, basterà affidarsi a dei professionisti ed eseguire una ricerca approfondita per parole chiave, intents e query, accompagnata da alcune tattiche efficaci e la ricerca a pagamento può essere un flusso di entrate efficace anche per il più piccolo sito web.

Cosa è Google AdWords?

È importante parlare e dare risalto a Google AdWords perché è il più popolare e utilizzato strumento di Advertisinng Online.

Il principio di base di AdWords (e in effetti anche di tutti gli altri strumenti di ricerca a pagamento) è il seguente:

  • Scegli alcuni termini o frasi che un utente può utilizzare nelle sue ricerche su Google
  • Quindi crea un annuncio che apparirà sulla SERP in base a quei termini o frasi di ricerca
Ricerca a Pagamento Spedire Comodo

Come puoi vedere sopra, il termine di ricerca “spedire comodo” porta al risultato che ci aspettiamo come indica l’annuncio a pagamento ovvero il sito Spedirecomodo.

Noterai anche che ci sono altre diverse società che concorrono con un annuncio per lo stesso termine di ricerca.

In che modo Google AdWords decide quali annunci pubblicare?

È probabile che non sarai l’unica azienda a voler pubblicare annunci in base al termine di ricerca scelto.

Il più delle volte probabilmente ti batterai con Amazon o altri Big Brand per la prima posizione.

Se vuoi apparire in questo spazio e tra i primi risultati, dovrai fare offerte contro altre società (Aste).

L’importo che spendi dipenderà da quanto sei disposto a pagare Google AdWords ogni volta che un utente fa clic sul tuo annuncio.

Più paghi per clic (PPC), più è probabile che il tuo annuncio venga visualizzato nei primi risultati di ricerca.

Ma non si tratta solo di quanto spendi, Google utilizza anche una metrica nota come “punteggio di qualità”.

Google controlla anche la pertinenza del tuo annuncio per gli intents degli utenti, il numero di clic ricevuti in precedenza e la pertinenza della tua pagina di destinazione.

Dovresti collegare gli annunci e/o le singole keywords ad una pagina di destinazione specifica che mantiene la promessa del tuo annuncio, piuttosto che a una normale home page.

Quindi, se il tuo termine è “spedizioni economiche”, faresti meglio a condurli direttamente ad alcuni servizi scontati, altrimenti non avrai la possibilità di avere successo.

Tieni presente che anche se la tua offerta massima è inferiore a quella di una società rivale, potresti comunque apparire sopra il suo annuncio se il tuo punteggio di qualità è migliore.

Devo per forza usare la ricerca a pagamento?

No. Potresti classificarti in alto nelle SERP attraverso vari mezzi organici e non a pagamento in relazione al focus del tuo sito web.

Una strategia SEO on-page approfondita ed efficace (buon collegamento interno, caricamento rapido delle pagine, navigazione logica e chiara, utilizzo di Sitemap) unita a contenuti di qualità e un’ottima esperienza utente può comunque aiutarti a posizionarti in alto nelle SERP, senza alcun costo, oltre il tuo tempo, la tua competenza e molta pazienza.

Tuttavia, se stai lavorando per ottenere risultati migliori rispetto ai primi sforzi organici, la ricerca a pagamento può darti accesso immediato ai risultati di ricerca in cima alla SERP.

Molti professionisti raccomandano che per padroneggiare veramente il marketing online di ricerca, dovresti fare combinazioni tra ricerca a pagamento (SEA) e una intensa attività SEO, a seconda delle parole chiave per le quali non ti stai classificando.

Molte aziende fanno entrambe le cose, anche se hanno il miglior risultato organico, solo per dominare completamente la SERP e spingere la concorrenza più in basso nella pagina.

ST 

Sintesi dei Contenuti

SEO SEM PCC nel Digital Marketing

Cosa sono SEO SEM e PPC

Conoscere le differenze tra SEO SEM e PPC è molto importante per poter effettuare scelte di digital marketing ragionate e strategiche su lungo periodo.

Leggi Tutto »
Cosa è il PPC

Che cosa è il PPC

PPC o Pay per Click significa affidarsi ad un sistema per cui gli inserzionisti pagano solo sui click ricevuti sui propri annunci pubblicitari. Vediamo come.

Leggi Tutto »